Posts By : admin

Orari Apertura

Mar – Dom ore 09.00 – 13.00 e ore 15.30 – 19.30

Contatti

Telefono: 0921/644076-1-232

Palazzo Bongiorno è in assoluto una delle opere architettoniche del Settecento più belle delle Madonie. Acquistato del Comune di Gangi nel 1967, per farne la sua sede di rappresentanza, ospita la sala del Consiglio Comunale.

I Bongiorno, baroni di Cacchiamo e marchesi di Eschifaldo, iniziarono la costruzione della loro sontuosa residenza intorno al 1754/55, per iniziativa del Barone Francesco Benedetto. Fu suo fratello, l’architetto Gandolfo Felice Bongiorno, a elaborarne il progetto.

Il palazzo era composto da tre piani posti su due ali, con al centro un giardino pensile.

Diversi sono stati i restauri che ne hanno modificato, almeno in parte, la struttura.

Oggi ai piani inferiori si trovano gli uffici del Comune di Gangi e la sede della Pro Loco. L’ultimo piano, conservato in ottime condizioni, è composto da sette sale superbamente affrescate dal romano Gaspare Fumagalli e da suo suocero, il pittore siciliano Pietro Martorana. Gli affreschi furono commissionati da Gandolfo Felice Bongiorno, grande mecenate e segretario della celebre Accademia degli Industriosi di Gangi che, dal 1758, ebbe sede proprio nelle sale del Palazzo.


Orari Apertura

Sab – Dom: ore 10.00-13.00 / 16.00-18.30

Orari SS.Messe

Feriali: ore 9.00 (una volta al mese)

Annessa al monastero dei Benedettini, la chiesa della Badia è tra gli edifici più antichi di Gangi. Si trova in Piazza S. Paolo, in prossimità di via Castello.

Nel XIV secolo nasce come oratorio di S. Pietro, sotto la cura dei Benedettini di Gangi Vecchio. Nel XVI secolo, un ampio monastero le venne edificato accanto. La chiesa divenne così badia delle monache Benedettine.

Duecento anni dopo, nel 1700, l’architetto Gandolfo Felice Buongiorno, mecenate gangitano, membro e segretario della celebre Accademia degli Industriosi, condusse dei lavori di modifica della chiesa che si conclusero nel 1738, con il completamento della facciata.

L’ingresso è caratterizzato da una cancellata artistica. Sull’altare maggiore si può ammirare una grande tela ad olio raffigurante i Santi Pietro e Paolo. La volta è ornata con degli affreschi raffiguranti allegorie della fede, della carità e della giustizia. Questi dipinti portano la firma “Joseph Crestadoro pinxit A. 1796″. Nel 1934 il monastero fu demolito. Al suo posto oggi sorge una scuola comunale.

 


cibopremiato
Quattro delizie di Gangi ottengono la certificazione DECO

I Turrunetta, u fasciddatu, i taralle e a cucchia – tutti prodotti da forno – ottengono il riconoscimento Deco (Denominazione Comunale d’Origine).

La Deco riconosciuta alle produzioni gangitane è la prima delle Madonie, un importante strumento per la valorizzazione del prodotto tipico locale derivante dall’attività agricola o dalla lavorazione e trasformazione di prodotti, realizzati o ottenuti sul territorio comunale, secondo modalità che si sono consolidate nei costumi e nelle consuetudini. L’iscrizione in apposito registro ne attesta la composizione e le modalità di produzione.

A richiedere l’iscrizione nel pubblico registro Deco sono stati i produttori: Fratelli Lo Giudice, Pandor, Antichi sapori delle Madonie, biscottificio Patti e Sutera Gaetano (Bar alla Torre), tutte imprese che producono e commercializzano a Gangi.

Puoi assaggiare queste delizie tipiche della tradizione presso i negozi Antichi sapori delle Madonie e Biscottificio Patti.

sagra della spiga 4
51° Sagra della Spiga – 1/9 Agosto

La Sagra della Spiga è una manifestazione folkloristica a carattere campestre che rievoca i costumi, le tradizioni e la cultura contadina di un tempo.

Il via ai festeggiamenti viene dato con A Vanniata da Festa, dove l’antico banditore armato di voce, asino e tamburo, annuncia il programma della manifestazione per le vie del paese così come anticamente una persona era impegnata a bandire le notizie principali gridandole alla cittadinanza.

Il primo fine settimana è dedicato all’antica tradizione di cui sono custodi “I Burgisi”, ed in particolare alla rievocazione di tutti quei riti che hanno come tema centrale il pane e il ringraziamento delle antiche famiglie benestanti alla terra intesa come fonte primaria di sostentamento.

Durante la manifestazione, ogni anno seguitissima, avrà il suo spazio U Corteu Du Zitu, sfilata di figure in costume d’epoca (fine ‘800), che rievoca l’antico cerimoniale che precedeva lo sposalizio nelle benestanti famiglie contadine
Il clou di tutta la Manifestazione è il Corteo di Demetra. Diviso per sezioni, sviluppa temi che trovano collegamento nel significato della tradizione e del mito e raccolgono il senso e lo spirito della cultura contadina e della ben più antica età classica.

Chiusasi la parte dedicata all’etno-antropologico, le divinità più importanti incedono maestose a cavallo o sopra antichi carri. L’ultimo momento in ordine cronologico ma non d’importanza dell’intera manifestazione è poi U Pisatu, commedia musicale in vernacolo che rievoca l’antica trebbiatura e i rituali ad essa legati.

memorie e tradizioni 4
Memorie e tradizioni – 11 e 12 Luglio

E’ un viaggio fra le tradizioni e gli antichi sapori del borgo medievale, oggi anche Gioiello d’Italia, alla riscoperta delle eredità lasciateci dalle generazioni passate: ricordi, tramandati da padre a figlio e da madre a figlia, che identificano la comunità nella sua autentica essenza. Un momento di rievocazione storico-etno-gastronomica inderogabile per non disperdere la memoria del passato.

La quarta edizione 2015 ripercorrerà le memorie e le tradizioni etniche e gastronomiche di uno dei periodi più floridi del borgo quando, a cavallo fra Ottocento e Novecento, con i suoi oltre 16.000 abitanti Gangi era il borgo più florido e popoloso delle Madonie.

La manifestazione, ampliata rispetto alle prime edizioni, propone uno spaccato della vita quotidiana di quel periodo, la saggezza degli usi e dei costumi, la spontaneità dei bambini nei giochi di strada, la sapienza dei mestieri legati alla terra, la memoria orale, le abitudini quotidiane, le differenze sociali, i momenti che si fanno rito e non ultimo, i sapori di un passato non molto lontano ispirati e condizionati dalla civiltà contadina.


Progetto cofinanziato dall'Unione Europea
Fondo Europeo di Sviluppo Regionale "F.E.S.R."
Assessorato alle Attività Produttive
Dipartimento Attività Produttive

P.O. F.E.S.R. Sicilia 2007/2013
Linea d'Intervento 5.1.3.3
D.D.G. n.321 del 24-02-2014
C.C.N. Gangi

Partner finanziario
I Negozi di Gangi
Mappa dei negozi
Seguici su Instagram
No images found
Scarica la App We Love Gangi