Posts Tagged : feste

gangi-amatrice
Gangi apre un conto corrente per Amatrice

A poco più di un mese dalla scossa che ha colpito il cuore dell’Italia, la catena della solidarietà non si ferma e continuano le iniziative a sostegno dei nostri fratelli terremotati.

Ovviamente anche il Comune di Gangi non si è tirato indietro e, con la collaborazione del Club dei Borghi più Belli d’Italia, ha aperto un conto corrente destinato a una raccolta fondi per sostenere Amatrice e gli altri borghi colpiti dal tragico evento.

L’IBAN di riferimento è IT25M 0895843350000000013191, la causale “Raccolta fondi terremoto 24.08.2016”, l’intestatario è Giuseppe Ferrarello, in qualità di sindaco pro-tempore.

Inoltre, per chi lo volesse, il comune ha dato la possibilità di rilasciare delle offerte libere presso il Palazzo Bongiorno e il Museo Civico.

I fondi raccolti finora sono stati destinati alla ricostruzione di scuole, ospedali e ad altre azioni di sostegno concordate con i Comuni beneficiari.

Gangi ringrazia i suoi abitanti per la solidarietà dimostrata finora e per l’aiuto futuro che continueranno a dare in futuro.

gangi
5 attrazioni uniche a Gangi

Qualche mese fa Tripadvisor aveva fatto una classifica delle 3 attrazioni da non perdere a Gangi, e di cui avevamo parlato qui.

Oggi desideriamo però arricchire quest’elenco con altre 5 attrazioni che rendono unico il nostro borgo e che stupiscono sempre i turisti che vengono a trovarci.

1) I meravigliosi dipinti dello Zoppo di Gangi, pseudonimo dietro il quale hanno operato vari artisti nel corso dei secoli e la cui opera più famosa è “Il Giudizio Universale” , della Chiesa Madre.
2) La Maestosità della Torre dei Ventimiglia, nobile famiglia che governò Gangi nel XIV sec e la cui storia si intreccia suggestivamente con quella del borgo.
3) La Fossa dei Parrini, all’interno della Chiesa Madre ospita le mummie di più di 60 preti che operarono nella zona di Gangi fino al 1800 e di cui abbiamo parlato abbondantemente qui.
4) La Fontana del Leone del Palazzo Comunale. Meraviglioso dono che nel 1931 il podestà Cav. Gioacchino Mocciaro fece alla cittadinanza per omaggiare il coraggio mostrato dai gangitani nella lotta alla mafia rurale durante il pubblico assedio del 1926. La fontana rappresenta un leone che, uscito dalla sua tana, si abbevera placido a una fonte.
5) Il Monte Alburchia, sede, secondo le leggende, dell’antica Engium, da cui poi sarebbe sorta Gangi, è un luogo imperdibile non solo per la bellezza del paesaggio circostante, ma anche per gli importanti ritrovamenti archeologici  risalenti ai tempi dei Greci.

Ecco perché Gangi celebra la spiga con sagre e feste: la risposta vi stupirà…
Ecco perché Gangi celebra la spiga con sagre e feste: la risposta vi stupirà…

La Sicilia vanta una lunga tradizione religiosa legata alla terra e alla figura della Dea Madre, il cui culto, ai tempi dei greci, si unificò a quello di Demetra (Cerere presso i Romani).

Demetra era la dea del focolare e dei campi, e il mito più famoso legato alla sua figura è quello del ratto di sua figlia Kore (Proserpina per i latini) a opera del dio degli inferi Ade.

Narrano gli antichi che Demetra, disperata, si recò sull’Etna per accendere delle fiaccole che l’aiutassero nella ricerca della figlia e che, nel suo lungo peregrinare, arrivò nella città di Engyon (da cui sorgerà poi Gangi, e per la cui storia ti invitiamo a cliccare qui) dove fu accolta e ospitata con tutti gli onori prima di riprendere il viaggio.

Quando la Dea finalmente riabbracciò Kore non dimenticò l’ospitalità ricevuta e decise di fare un dono speciale agli abitanti di Engyon.

Dal suo sorriso ella creò la spiga di grano e ne fece dono alla città.

Da quel momento in poi la Sicilia, e in breve tutta la Magna Grecia, decisero di onorare la dea con una grande festa, che si celebrava in agosto, ovvero quando il grano è maturo.

Una piccola curiosità: questa antica usanza è sopravvissuta nei secoli ed è arrivata fino ai giorni nostri col nome della Sagra della Spiga, una manifestazione a cura della Pro Loco di Gangi dove, tra canti e danze, si rivive l’antica tradizione dei contadini di Sicilia, e in cui la città diventa teatro di una rappresentazione che ricorda la commovente storia della benevola Demetra e della tenera Kore.

 


Progetto cofinanziato dall'Unione Europea
Fondo Europeo di Sviluppo Regionale "F.E.S.R."
Assessorato alle Attività Produttive
Dipartimento Attività Produttive

P.O. F.E.S.R. Sicilia 2007/2013
Linea d'Intervento 5.1.3.3
D.D.G. n.321 del 24-02-2014
C.C.N. Gangi

Partner finanziario
I Negozi di Gangi
Mappa dei negozi
Seguici su Instagram
No images found
Scarica la App We Love Gangi